SALSO(A)MAGGIORE TRA AMICI... SECONDO IL PRESIDENTE

by Marco Dai Zotti
Cosa possono fare Enrico, Leone, Andrea, Giuda e Marco a Salsomaggiore Terme? Un torneo di scacchi ovviamente!
 Siamo partiti con l'idea di giocare l'Open B in  un clima tutt'altro che agonistico ma quasi da ultimo giorno di scuola , per la gioia (non ancora completa, ci sono gli scrutini in corso) della nostra mascotte Andrea. 
Il viaggio di andata è stato "travagliato", difatti ad un certo punto stavamo  arrancando  su una strada molto stretta ed erta che, secondo il navigatore portava a Salsomaggiore....Non menziono le battute  di come il leggendario Doblò potesse affrontare tale strada. (intanto sono arrivato proprio ora a 200.000 km Zottolo, vediamo se potrai dire altrettanto col tuo bolide..e.d.) In ogni caso,  godendoci un inatteso splendido panorama,appena abbiamo incrociato l'unica superstite del paese "I 2 Gennari" abbiamo avuto conferma di essere nella giusta direzione. 
Arrivati in Hotel dividiamo la camerate: da una parte Enrico, Zottolo e Giuda, dall'altra Leone ed Andrea, dopo di che siamo andati nella famosa pizzaria "Incontro" per la prima di una lunga serie di abbuffate.
Il mattino seguente  la nostra camera si sveglia di buonora, ovvero alle 5 grazie agli uccellini degli alberi a fianco all'albergo che ci pregano di alzarci con il loro cinguettare perpetuo... Resistiamo fino le 6 e poi andiamo a fare una passeggiata collettiva in attesa della colazione e del torneo (allo Zottolo è venuta la fissa della marathona, non sta fermo un attimo per fare i suoi 50 stramaledetti km al giorno, altro che uccellini!  e.d.).
Finalmente arriva il momento del torneo. Ci siamo scagliati in sala di gioco credendo che si giocasse con un sistema svizzero accelerato ed immaginavamo degli avversari fortissimi al primo turno. La verità era che i nostri avversari erano sicuramente alla nostra portata e la nostra immaginazione li ha resi ancora più forti.. Tra i risultati più notevoli segnalo la mia partita dove ho rischiato di perdere con Wu Matteo NC (neanche da chiedere se fosse senza Elo Fide) e le patta del Presidente con una 2N.
Per parlare del secondo turno cedo la parola al Presidente che vorrà sicuramente raccontare la Sua partita al cardiopalma con Plucani. (una agonia allucinante. Con questo pur simpatico 1340, variazione attesa in caso di vittoria 0,002, mi ritrovo dopo 3 ore in una posizione assolutamente simmetrica e con l'unica colonna aperta controllata da lui. Il motore si cristallizza nella valutazione 00  per venti mosse di fila. Poi con un'unica mossa ho vinto  e.d.)Al  turno successivo inizia il mio torneo sociale, difatti dapprima trovo Leone e poi il Presidente.

Il secondo giorno non ho giocato un granché bene al pomeriggio difatti ho perso nonostante avessi impostato una buona partita di attacco.
Vorrei fare qualche ringraziamento particolare:
- la Renault che non ci ha abbandonato dispersi tra "I 2 Gennari";
- il libro della Caro Kann a dir poco illuminante;
- gli uccellini che mi hanno tenuto compagnia dalle 4 del mattino;
- l'ira di Andrea che si Scagliava su di noi quando lo stuzzicavamo.

Date queste premesse..... Ci vediamo tra un anno SALSAMAGGIORE!  

by Enrico Danieli
LA VERSIONE.. PRESIDENZIALE

Un torneo stranissimo, un coacervo di 1600 e 1700 allucinante e pericolosissimo per me, partito in modo catastrofico e finito in gloria, 2 assoluto e 1 punto guadagnato. Già il 1624 del primo turno mi ha concesso la patta dopo lunga riflessione, incredulo che il CM di fronte a lui fosse così scarso. Detto del mitico Plucani, con lo Zottolo non sono riuscito a fare otto mosse di una patta già concordata senza perdere un pezzo. Pensando che il peggio fosse alle spalle, ho invece agonizzato tutta la partita contro Roversi (elo 1668), con una valutazione dei motori variabile fra i +4 e +5 per molte mosse. Rubata anche questa,  finalmente domenica mi sono  rinfrancato con una vittoria conclusiva in un lunghissimo finale che ha mandato all'aria tutti i piani degli organizzatori di effettuare la premiazione in tempi decenti. Purtroppo il bucholz "negativo"  dovuto all'effetto Plucani mi ha penalizzato, ma vincere  sarebbe stato francamente eccessivo.

Roberto Giuda Marchetti, partito con l'obbiettivo di raggiungere la prima nazionale, ha iniziato in modo sublime vincendo le prime due. In prima scacchiera al terzo turno e raggiunto un finale completamente vinto in una mossa (tutti ma proprio tutti mentalmente gli abbiamo suggerito la mossa Rd5!!), Roberto è tornato il solito, pareggiando e perdendo poi il filo del torneo. Tenerissima la sua partita dell'ultimo turno con una piccolissima e graziosa bimbetta che non riusciva a raggiungere il tavolo, E' finita patta, e non per generosità del nostro.

Leone Gennari ha dormito di gusto, cosa che non faceva ormai da anni, e compromesso il torneo con una mossa (f4) giocata sapendo di sbagliare, che tanto ho più elo e qualcosa succederà. E' successo che il suo avversario non ha più sbagliato, incamerando il punto. Qualche patta di troppo gli ha poi precluso un buon piazzzamento.

Anche Andrea parte ormai da anni con l'idea di diventare prima nazionale, che meriterebbe ampiamente. Ma parte anche con altre "idee" che lo distraggono, specie in una località come Salsomaggiore piccola ma ben "frequentata". Ha pareggiato troppe partite e in generale ci vorrebbe un po' più di sano agonismo, che ritroverà sicuramente a Lignano Sabbiadoro, il prossimo torneo in programma.